Categoria: Aree tematiche

SANITÀ, RIPARTE IL COMITATO PER LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE CON RAZZA

Cappuccio (Cisl Sicilia) e Montera (Cisl Fp Sicilia): “Garanzie su posti letto Covid e dpi. Ora altra convocazione per le indennità per sanità pubblica e 118” Ricognizione dei posti letto nelle terapie intensive della Sicilia, aggiornamento sulle scorte di tamponi e dispositivi di protezione, monitoraggio sui laboratori e sulla somministrazione dei vaccini antinfluenzali, reperimento di …

CLICK DAY, CISL: FLOP ANNUNCIATO, IL GOVERNO CAMBI ROTTA

Cappuccio: “Il sostegno va basato su criteri oggettivi, trasparenti e non discrezionali, che favoriscano produzione, innovazione, internazionalizzazione. E ricaduta occupazionale dei progetti”

“ECCO PERCHÉ QUESTA SCUOLA NON SEMBRA PIÙ SCUOLA”

Così la Cisl siciliana, confederale e di categoria. Per il sindacato, ancora alla vigilia della riapertura del 24, nell’Isola “mancano strumenti di protezione, mascherine, gel igienizzante, guanti”. Sono solo un centinaio i banchi monoposto arrivati. Servono aule. Ritardi si accumulano nei lavori per l’ampliamento dei locali. E pesano, la farraginosità delle procedure. E la contrazione del settore: calano alunni (-2,08%), classi (-0,73). E anche le cattedre, di 169 unità

IN SICILIA LAVORATORI E IMPRESE RISCHIANO QUATTRO VOLTE DI PIÙ

A denunciarlo i sindacati confederali, che hanno tenuto a Palermo la prima manifestazione regionale all’aperto dell’epoca Covid nell’ambito della mobilitazione nazionale per Ripartire dal lavoro. Per Cgil Cisl e Uil l’Isola ha bisogno di un piano di ricostruzione centrato sulla sostenibilità sociale e ambientale, che faccia leva sulle Zes. Che attragga investimenti esterni. E a Musumeci: serve un tavolo permanente sui temi dell’economia. Sbarra, numero due nazionale Cisl: “Conte introduca sgravi coraggiosi sul lavoro stabile, proroghi il blocco dei licenziamenti, finanzi gli ammortizzatori

SINDACATI IN PIAZZA, DOMANI, PER “RIPARTIRE DAL LAVORO”

Si terrà a Palermo la prima manifestazione all’aperto dell’epoca Covid, delle confederazioni sindacali. Sarà nazionale e assieme regionale. Appuntamento alle 9,30 nella Terrazza sul mare del Foro Italico Umberto I. Interverranno delegati sindacali, i segretari di Cgil Cisl e Uil siciliane. E il numero due nazionale Cisl

COVID, SERVE UN NUCLEO REGIONALE DI MONITORAGGIO E INTERVENTI

Per la Cisl, l’impennata di casi degli ultimi giorni impone l’attuazione “con particolare attenzione” degli accordi fin qui sottoscritti. E richiede che Regione e forze sociali lavorino assieme per verificare l’andamento della pandemia e definire le misure più idonee. Cappuccio: sostenere il lavoro fondamentale di coordinamento territoriale delle prefetture

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

Secondo Cgil, Cisl e Uil siciliane “indispensabile ritrovare uno spirito di collaborazione come quello emerso durante il lockdown perché solo così si può affrontare il futuro prossimo, che oggi in Sicilia come in tutta Italia e nel mondo, rappresenta un’incognita”.

REGIONALI, CGIL CISL E UIL REPLICANO AL GOVERNATORE

Per i confederali l’attacco di Musumeci ai dipendenti della Regione è “gratuito e pretestuoso”. E al presidente che ha genericamente definito i lavoratori “improduttivi”, ribattono puntando l’indice sulla riforma della burocrazia, “che non c’è”

BORSELLINO, BANDIERE A MEZZ’ASTA E UN MINUTO DI SILENZIO

Così la Cisl ricorderà la strage di via D’Amelio, oggi, e la lunga scia di sangue del 1992. Cappuccio: “La memoria di quei fatti rinnova puntualmente in noi il sentimento di lutto per quello che è accaduto”

LE PROPOSTE CISL PER UN “PATTO MODELLO PONTE MORANDI”

Dodici richieste all’indirizzo di Palazzo d’Orleans, altrettante per Palazzo Chigi. A illustrarle Cappuccio durante un webinar con ministri e governatore. In Sicilia il 47% delle famiglie vive solo di lavoro a tempo determinato. E a rischio sono 150 mila posti. Chiesto un tavolo permanente, fiscalità compensativa, Zes per turismo e beni culturali. Musumeci: Sicilia da trent’anni ultima per reddito pro-capite. Provenzano: rischio ripresa senza occupazione. Catalfo informa che 550 mila siciliani ricevono il reddito di cittadinanza