Categoria: Lavoro, Sviluppo, Mezzogiorno

LA MARCIA DEL GAMBERO DELL’ECONOMIA SICILIANA

Per qualche verso brilla, per altri stenta. Così la Sicilia registra il +26% per start-up innovative ma, rispetto al 2007 (epoca pre-crisi), all’appello mancano ben 110 mila posti. Un passo avanti e due indietro. Come nel caso del primato negativo delle imprese siciliane per saldo nei termini di legge delle fatture da onorare. A mettere a fuoco realtà congiunturale e outlook, il report Cisl-Diste «Zoom Sicilia». Cappuccio: «La Regione apra il confronto con le parti sociali, serve un patto a tutto tondo su lavoro e crescita». Presentato a Palermo il primo numero, che chiude con un focus sul Ponte sullo Stretto

NASCE ZOOM SICILIA, REPORT CISL-DISTE DI ANALISI E OUTLOOK

Martedì 2 nell’aula consiliare del Comune di Palermo la presentazione del primo numero, La marcia del gambero. Saranno illustrati dati sulle fondamentali variabili macroeconomiche nella regione e nelle province. E anche aspetti ignorati dell’economia siciliana. Presenti vertici regionali e nazionali Cisl, rappresentanti istituzionali ed economisti di Palermo e Catania

LAVORO: IL GOVERNO CAMBI PASSO NELLA POLITICA ECONOMICA

Il segretario aggiunto Cisl, Sbarra: servono interventi capaci di contrastare il rallentamento dell’occupazione e di aggredirne i punti di sofferenza. L’Esecutivo dia “priorità a un piano più vasto di inserimento lavorativo dei giovani, di politiche attive e di investimenti, unica vera condizione per rilanciare nei fatti l’occupazione”

APPALTI, SINDACATI ALL’ANCE: NOI SULLA TRINCEA DELLA LEGALITÀ

I segretari Pagliaro, Cappuccio e Barone: fraintesa grossolanamente la nostra posizione. Per noi fondamentali: lotta a mafia e corruzione, a lavoro sommerso e irregolare, al dumping contrattuale. La trasparenza delle gare, la corretta applicazione del codice e dei contratti di lavoro, la qualificazione delle imprese, la riduzione delle stazioni appaltanti, il contrasto al dumping contrattuale. “Su questi temi, sempre disponibili al confronto”

EX PROVINCE: CONFRONTO UTILE, ORA DALLE PAROLE AI FATTI

Cgil Cisl e Uil: «Al presidente Musumeci abbiamo chiesto che le parti tornino a incontrarsi nel giro di una-due settimane per monitorare la situazione, che in Sicilia pende come un’ipoteca sulla testa di 6000 lavoratori di cui 400 precari». Obiettivo: uscire dal tunnel. Stamani mobilitazione dei lavoratori, in sit-in davanti a Palazzo d’Orleans

AUTONOMIA DIFFERENZIATA, CISL: COESIONE SOCIALE IRRINUNCIABILE

Per il sindacato, la solidarietà tra diverse aree del Paese è un valore irrinunciabile da porre a fondamento degli assetti istituzionali, per uno sviluppo equilibrato. Ganga: non vanno minimamente indeboliti il sistema dei diritti e l’unità nazionale. Cappuccio: c’è il rischio che anziché ridursi si amplii ancora il gap che separa nord e sud