EX PROVINCE, SIT-IN VENERDÌ DAVANTI ALL’ASSESSORATO ECONOMIA

Si terrà a partire dalle 14,30. La mobilitazione, per una «soluzione strutturale» della ormai annosa vicenda che in Sicilia coinvolge seimila dipendenti più 800 delle Partecipate e 600 precari. I sindacati: serve un’azione coordinata e condivisa, di tutte le forze politiche e sociali

“Il silenzio della politica sulla situazione drammatica delle ex Province non ci sta bene. Il nostro appello è rivolto a tutti, parlamentari regionali e nazionali, di maggioranza o di opposizione, con ruoli istituzionali o meno: serve un’azione coordinata e condivisa e l’impegno di ognuno per lavorare a una norma salva-province”. Il richiamo arriva dai sindacati siciliani, Cgil Cisl e Uil e le federazioni della Funzione pubblica, che hanno firmato assieme una nota con cui annunciano la prossima mobilitazione dei lavoratori. I segretari generali Michele Pagliaro e Gaetano Agliozzo di Cgil e Fp Cgil, Mimmo Milazzo e Paolo Montera di Cisl e Cisl Fp, Claudio Barone ed Enzo Tango di Uil e Uil Fpl hanno convocato un sit in per giorno 8 febbraio, a partire dalle 14.30, davanti all’assessorato all’Economia a Palermo, per protestare contro “l’assenza di risposte da parte del Governo regionale sulla gravissima situazione economica e finanziaria che permane in tutte le ex Province della Regione Siciliana, ormai a rischio dissesto”. “La Regione – dicono – ci incontri e ci indichi quali interventi è pronta a mettere in campo e quanti altri ne servono, anche a livello nazionale, per risolvere una situazione che ormai è divenuta insostenibile e impedisce il pagamento degli stipendi ai lavoratori e l’erogazione dei servizi ai cittadini”.
“Non accettiamo più alibi da parte di chi ci governa né da parte di chi sta all’opposizione e non fa abbastanza. Non è sufficiente, anche se è indispensabile, un’iniezione di fondi, come si tenta di fare con gli ultimi documenti contabili in discussione – concludono – serve risolvere strutturalmente questa annosa e drammatica vicenda che vede coinvolti seimila dipendenti delle ex province, più 800 delle Partecipate e 600 precari. Per non parlare della paralisi dei servizi ai cittadini: una ipoteca che pende su strade, scuole, fasce sociali deboli. Non siamo più disposti a tergiversare, vogliamo risposte immediate e l’apertura di un serio confronto politico, istituzionale e sindacale sul tema”.

 

Print Friendly, PDF & Email