REGIONE, «CI PREOCCUPA UNA MANOVRA LACRIME E SANGUE»

Così Cgil Cisl e Uil riguardo all’eventualità che il buco di 780 milioni rilevato tra le pieghe dei conti regionali, debba essere coperto in soli tre anni. Siamo virtualmente in esercizio provvisorio, lamentano i sindacati denunciando che con le spese in dodicesimi sarà impossibile intervenire sulle emergenze. «Il governo nazionale rinomini al più presto la commissione paritetica Stato-Regione»

«Se la Regione dovesse coprire in tre anni il buco di 780 milioni di euro come dichiarato dalla Corte dei Conti, sulla base della normativa vigente a livello nazionale, per i siciliani si profilerebbe una manovra finanziaria lacrime e sangue». Così Alfio Mannino, Sebastiano Cappuccio e Claudio Barone, segretari rispettivamente di Cgil Cisl e Uil regionali che manifestano tutta la loro preoccupazione: «Siamo già virtualmente in esercizio provvisorio con tutto quello che ne comporta. Con le spese in dodicesimi sarà impossibile intervenire sulle emergenze che attanagliano la nostra regione. Già la provincia di Siracusa, ad esempio, per questo mese non pagherà gli stipendi non sapendo come recuperare le risorse. Nella stessa situazione diversi Comuni siciliani in dissesto finanziario. Con il bilancio in dodicesimi – continuano Cgil Cisl e Uil – nessuno potrà prelevare un euro. In questo quadro non esistono le condizioni per varare una legge finanziaria accettabile, chiediamo pertanto al governo nazionale di rinominare al più presto la commissione paritetica Stato-Regione per individuare con l’amministrazione regionale gli interventi normativi necessari per sbloccare questa situazione».

Print Friendly, PDF & Email