SCUOLA, NIENTE RIENTRO PER MIGLIAIA DI DOCENTI SICILIANI

A denunciarlo i sindacati che, a conclusione di un incontro con la direzione dell’Ufficio scolastico regionale, hanno deciso di non sottoscrivere il contratto integrativo e chiedere un incontro all’assessore Marziano. In sede politico-istituzionale sollecitata “l’apertura di un tavolo politico”

“Non c’è nessuna possibilità di rientro per migliaia di docenti siciliani, riteniamo urgente risolvere definitivamente la paradossale situazione di una regione che, con quasi cinquemila posti di sostegno in deroga, non riesce a garantire né la continuità didattica per gli alunni, né la stabilità professionale per gli insegnanti costretti a restare fuori dalla regione di origine”. Lo scrivono in una nota i sindacati della Scuola, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal, che stamani hanno partecipato a un incontro con la direzione generale dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia sul contratto integrativo per la mobilità annuale dei posti da docente. “Non ci sono state le condizioni per sottoscrivere il contratto integrativo regionale – spiegano Graziamaria Pistorino Flc Cgil, Francesca Bellia Cisl Scuola, Claudio Parasporo Uil Scuola e Michele Romeo Snals Confsal – chiediamo sin da subito l’intervento di tutte le rappresentanze politico-istituzionali regionali e nazionali per l’immediata apertura di un tavolo politico”. I sindacati hanno già chiesto un incontro all’assessore regionale alla Formazione, Bruno Marziano. “Questa situazione sembra configurarsi come una inutile punizione per moltissimi docenti che da anni insegnano su questi posti e che non riescono a capire per quali ragioni non si possano ricoprire in via definitiva, ma solo di anno in anno, con provvedimenti tampone”. “Non c’è infatti nessuna apertura rispetto alle nostre proposte avanzate, tendenti ad armonizzare il contratto con le esigenze del territorio così come avvenuto negli anni passati e nella corrente contrattazione di altre regioni”. I sindacati aggiungono: “Le utilizzazioni e assegnazioni provvisorie dei docenti dovrebbero rispondere alle problematiche della specifica realtà locale siciliana, ma l’amministrazione scolastica regionale non ha esercitato alcuna deroga all’impianto nazionale. Le operazioni di rientro proposte al tavolo sono state richieste, garantendo, comunque, l’accantonamento previsto per i docenti precari aventi titolo, in una regione in cui l’emergenza occupazionale rimane sempre una priorità sociale”. “Riteniamo che la limitazione del campo di intervento della contrattazione integrativa decentrata, pur consentendo la possibilità di prevedere, a livello locale, ulteriori forme di utilizzazioni, non dà risposte alle emergenze prodotte dalla legge 107 sul personale della scuola siciliana, che avrebbero richiesto l’attivazione di ulteriori strumenti contrattuali più vicini alle esigenze del territorio”. “Non si comprende perché – concludono Pistorino, Bellia, Parasporo e Romeo – si continui a rifiutare possibili soluzioni, che proponiamo da mesi, come la trasformazione dell’organico in deroga di sostegno in organico di diritto o come l’ampliamento del tempo pieno, perseverando nell’acuire la sofferenza di chi già paga sulla propria pelle i disastrosi esiti della legge e non garantendo efficaci ed eque azioni per l’esercizio del diritto allo studio degli studenti siciliani”.