NON SIAMO IN VENDITA

Tre donne-bambine. Tre schiave adolescenti. Tre ragazzine rubate agli amici, agli innamoramenti, ai sogni. E attraverso la rotta libica catapultate nel nostro mondo. Qui, risucchiate in un vortice di inganni, violenze, torture. E ristrette nell’orrido mercato della prostituzione. Il libro-inchiesta di Irene Ciambezi sul traffico delle adolescenti dalla Nigeria fino alle nostre città. Di Claudia Koll, la prefazione

Tre ragazzine: 15 anni, 17, 13. L’età della scuola, degli amici, delle feste, degli innamoramenti, dei sogni per una vita ancora tutta da scoprire. Ma non per loro: perso ogni punto di riferimento, vengono gettate in un vortice di inganni, umiliazioni, violenze, torture indicibili.

continua a leggere

I DIRITTI DELLE PERSONE CON FRAGILITÀ

Firmato da Salvatore Migliore, il libro è un focus sul rapporto tra diritti e diritti negati, sentenze della magistratura e proposte organizzative e finanziarie per dare realmente corpo a diritti che altrimenti resterebbero formali. Stampa a cura del Coordinamento H con il supporto del Centro servizi per il volontariato

Il disagio delle persone diversamente abili, secondo l’autore, è troppo spesso dovuto alle gravi disattenzioni della pubblica amministrazione nell’applicazione delle norme di legge. E questa disattenzione nei riguardi dei disabili, si configura come vero e proprio fallimento quando si trasforma in negazione di fatto di diritti solo formalmente riconosciuti.

continua a leggere

SCHINDLER’S LIST

Torna in libreria per Frassinelli, a qualche giorno dalla Giornata della Memoria del 27, la straordinaria vicenda di Oskar Schindler, che ispirò il film-capolavoro di Steven Spielberg. È la storia dell’industriale tedesco che salvò la vita di migliaia di ebrei durante la persecuzione nazista. Una pietra miliare della narrativa sull’Olocausto, raccontata dalla penna di Thomas Keneally. 2018, pag 396, €18,50

Oskar Schindler è un giovane industriale tedesco iscritto al partito nazista. Ma durante la dittatura, al tempo della Shoah, riesce a corrompere gli ufficiali del regime e a salvare migliaia di ebrei. Persino comprando la loro vita. Ne ricordiamo la vicenda prendendo spunto dalla riedizione curata da Frassinelli (del 1994 la prima uscita), che arriva con l’occasione della Giornata della Memoria, l’appuntamento che il 27 gennaio di ogni anno, per decisione dell’Assemblea generale dell’Onu, celebra le vittime dell’Olocausto.

continua a leggere

INGIUSTIZIA GLOBALE

“Migrazioni, disuguaglianze e il futuro della classe media”. Una ricerca innovativa sui fattori che hanno mandato in tilt la bilancia della giustizia sociale. Che sono causa di guerre e sconvolgimenti. E che legano, lungo un minaccioso filo rosso, fenomeni come la Brexit, la vittoria di Trump e l’avanzata dei populismi nelle società occidentali. Branko Milanovic, pagine 259, €24, Luiss Forward Edizioni

A livello mondiale, la disuguaglianza nel reddito tra Paesi (ponderati con la loro popolazione), si è considerevolmente ridotta. Ciò è dovuto alla crescita di Cina, India e altri grandi economie emergenti, che è stata molto più rapida di quella del mondo sviluppato.

continua a leggere

LA DEMOCRAZIA NELL’EPOCA DEI SOCIAL

Internet, da grande promessa di democratizzazione e accessibilità, s’è trasformato in uno spazio di profili algoritmici e attività di marketing più o meno occulte. Il saggio di Sunstein, un accademico americano, suggerisce rimedi per andare oltre. E fare della Rete uno spazio di più autentica democrazia. Il Mulino 2017, pag 337, €22

La personalizzazione dell’informazione risponde sempre più a logiche di marketing, all’individuazione di nicchie di possibili consumatori più che a quelle civiche e politiche della corretta informazione dell’opinione pubblica. Forze centrifughe verso spazi virtuali sempre più frammentati e disconnessi svuotano quel luogo ideale di confronto che è la sfera pubblica, il cuore della democrazia.

continua a leggere

IUS SOLI, IUS CULTURAE

Il dibattito tra dodici studiosi, sulla cittadinanza dei giovani migranti. L’e-book, targato Neodemos, è liberamente disponibile on line. Spiega in 49 pagine che la buona integrazione, l’inclusione, la piena partecipazione alla vita sociale, sono fattori che rendono le migrazioni “un gioco a somma positiva”

“Conosciamo bene gli eventi che negli ultimi tempi hanno reso l’opinione pubblica italiana ed europea guardinga, quando non apertamente ostile, nei confronti delle migrazioni: l’ondata di rifugiati dai conflitti; l’aumento della pressione migratoria dal continente africano; il diffondersi degli attacchi terroristici; la crisi economica non ancora appieno riassorbita”.

continua a leggere

DA STRANIERI A CITTADINI

C’è chi alle sfide della globalizzazione e alla paura del futuro risponde con antistorici muri. Ma nelle società aperte va riprendendo forza anche l’idea del dialogo interculturale, tra visioni diverse non solo etniche ma anche sociali, politiche, economiche. Il progetto di una società di persone capaci di vivere insieme un comune destino di cittadini. Milena Santerini per Mondadori Università

Il volume (266 pagine 21,80 euro), è stato illustrato alla Camera dei deputati alla vigilia della commemorazione della strage di Lampedusa nella quale, il 3 ottobre 2013, morirono 368 migranti. Recita, nel sottotitolo: “Educazione interculturale e mondo globale”. La presentazione (1,21 minuti) è stata interamente registrata da Radio Radicale.

continua a leggere

DON LORENZO MILANI, L’ESILIO DI BARBIANA

Il racconto di un ragazzo alla scuola del priore. Testimonianza e memoria di un’esperienza che ha fatto storia. E che fu insieme atto d’amore e profezia. Un libro straordinario e commovente scritto da Michele Gesualdi per rendere omaggio al sacerdote che si mise al servizio dei poveri più poveri. Ed San Paolo, pag 256, euro 16. Prefazione di Andrea Riccardi, postfazione di Luigi Ciotti

Su don Lorenzo Milani è stato scritto molto. La sua figura ha scosso in profondità le coscienze e diviso gli animi. Ma chi è stato davvero don Milani? A tale interrogativo risponde questo libro di Michele Gesualdi, uno dei primi sei “ragazzi” di Barbiana.

continua a leggere

QUELL’ESTATE LUGUBRE COME UN GIRONE DELL’INFERNO

‘Io ti racconto…’. 40 lettere di altrettanti genitori ai bambini che frequentano la scuola elementare Alcide De Gasperi di Palermo. E tra queste, quelle di Manfredi Borsellino e Sonia Alfano. La pregevole iniziativa editoriale di una scuola, per ripercorrere il dolore individuale e collettivo. Da Conquiste del Lavoro

“Niente o quasi dopo quegli eventi sarebbe stato come prima”. Il tono è solenne, il taglio lapidario, ieratico quasi. Ma non siamo sulla scena di una tragedia greca. E chi parla non è un attore. Neppure un corifeo. Perché la tragedia che dietro quelle parole campeggia e attraverso quelle parole s’intravede ancora, è una delle due stragi che nel 1992 insanguinarono Palermo.

continua a leggere

POPULISMO E STATO SOCIALE

La ricetta populista non solo è una risposta sbagliata alle sfide che l’Europa deve fronteggiare. Mina alle fondamenta il moderno sistema di protezione sociale. E laddove ha avuto corso, s’è tradotta in danno per i ceti più vulnerabili. L’analisi e le proposte dell’economista Boeri, nel suo ultimo pregevole libro

A primo acchito l’associazione di queste due parole, una molto in voga, Populismo e l’altra quasi scomparsa dal dibattito attuale, Stato sociale, potrebbe portarci a fare un ragionamento tanto semplice quanto errato: le istanze populiste, finalizzate a raccogliere il consenso della maggior parte dell’elettorato, porterebbero i decisori politici a estendere senza controllo le misure di tipo assistenziale.

continua a leggere