CIAO DARIO, GRAN PROFESSIONISTA CARO AMICO

La prematura scomparsa di Miceli, giornalista garbato, gentile. Sintonizzato sempre sulla lunghezza d’onda della notizia. E della cortesia

Che beffarda la vita. Che non esita a prendersi gioco, quando e come vuole. E quando ti raggira, non da’ risposte. Pone semmai domande che restano appese al filo del mistero. Che aprono le porte dell’incertezza e dello spaesamento. Si accompagnano al dubbio, al senso di vuoto.

continua a leggere

A PORTELLA IL MEMORIALE PER I 70 ANNI DALLA STRAGE

Cgil Cisl e Uil hanno celebrato assieme l’anniversario dell’eccidio. Tornando, per la prima volta dopo vent’anni, nella vallata che fu teatro della carneficina. Diecimila persone, 130 pullman. I ricordi dell’86enne Petta. Le testimonianze dei precari. Le parole dei leader sindacali nazionali

Sembra di avvertirla l’eco lontana di quelle raffiche di mitra. Come se, a portarla con sé, fosse il vento che qui non si ferma mai. E forse è per questo che a mordere le viscere, in questa valle tra i monti Kumeta, Maja e Pelavet a due passi da Piana degli Albanesi in provincia di Palermo, è un senso d’inquietudine.

continua a leggere

PORTELLA, DALLA STRAGE ALLA LOTTA PER I DIRITTI

Tra banda, gonfaloni e leader sindacali, il programma della giornata che ricorderà l’eccidio. E che vedrà tornare a Piana lunedì, dopo vent’anni, i vertici nazionali e regionali di Cgil Cisl Uil

Sarà lo squillo di una tromba, che intonerà il Silenzio nel cimitero di Piana degli Albanesi, nell’entroterra di Palermo, ad aprire, il prossimo 1 maggio alle 8,30, la giornata in ricordo della strage di Portella, organizzata da Cgil Cisl Uil a settant’anni dall’eccidio.

continua a leggere

IN SICILIA, A PORTELLA DELLA GINESTRA, LE CELEBRAZIONI NAZIONALI

Nel luogo dell’eccidio di lavoratori che manifestavano contro il latifondismo, interverranno, in occasione dei 70 anni dalla strage, i leader nazionali di Cgil Cisl e Uil, Camusso, Furlan e Barbagallo. Nel pomeriggio, a Roma, il tradizionale concertone

Si svolgerà a Portella della Ginestra, in occasione dei 70 anni dallo storico e tragico eccidio di lavoratori che manifestavano contro il latifondismo, il Primo maggio sindacale 2017. Lo hanno deciso Cgil Cisl e Uil che saranno presenti, nella località del Palermitano, con i leader nazionali Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

continua a leggere

DONNE, CISL ALLA ‘VIA CRUCIS. PER LE DONNE CROCIFISSE’

L’iniziativa è centrata sulla testimonianza di giovani che hanno vissuto sulla propria pelle la condizione di schiavitù. Per la leader Furlan, “occorre una mobilitazione collettiva per dare una speranza alle tante vittime di prostituzione, violenza, tratta”

La Cisl prenderà parte “con convinzione”, anche quest’anno, all’iniziativa Via Crucis. Per le donne Crocifisse‘, che si terrà stasera a Roma. L’iniziativa, giunta alla terza edizione, è organizzata dall’associazione Comunità Papa Giovanni XXIII (fondata da don Oreste Benzi di cui ricorre il decimo anniversario della scomparsa) e dalla Diocesi di Roma (settore Sud).

continua a leggere

SIRIA, L’UE SOLLECITI UN NEGOZIATO SOTTO L’EGIDA DELL’ONU

Per la Cisl, le emergenze internazionali esigono il forte rilancio del multilateralismo. E le Nazioni Unite devono operare non come cassa di risonanza di iniziative unilaterali ma come organismo sovranazionale capace di assumere con determinazione ogni decisione

L’Unione Europea e il Governo italiano si devono adoperare in queste ore per far cessare l’uso di tutte le armi e le atrocità, e avviare un negoziato sotto l’egida delle Nazioni Unite per riportare la pace in Siria. È quanto sottolinea in una nota la Cisl.

continua a leggere

UE, IL MANIFESTO CISL PER GLI STATI UNITI D’EUROPA

Un progetto in dieci punti per la crescita sostenibile, l’inclusione sociale, lo sviluppo dell’economia europea. A proporlo il sindacato guidato da Furlan alla vigilia delle celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma e in vista dell’incontro sindacati europei-presidente Gentiloni

Dieci punti, per un “contributo concreto” al dibattito sul rilancio dell’Europa. A proporli la Cisl, che lancia un Manifesto per gli Stati Uniti d’Europa. Il sindacato di via Po lo fa alla vigilia delle celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma e in vista dell’incontro a Palazzo Chigi tra una delegazione di sindacati europei e il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

continua a leggere

SEI IDEE PER L’EUROPA UNITA, ECONOMICA E POLITICA

Bisogna battersi per eliminare i paletti rigidi che, nell’Ue, frenano la crescita e gli investimenti pubblici. Serve una svolta nel segno dello sviluppo, della coesione e della giustizia sociale. Il Manifesto Cisl e l’esortazione a Gentiloni. Così Furlan su Avvenire

“L’Europa deve diventare un decisivo vettore di sviluppo economico, di coesione e giustizia sociale. Serve una svolta. Non possiamo accettare in maniera passiva la logica degli ultimatum da parte della Commissione europea, con la richiesta di ulteriori manovre correttive”. È quanto sottolinea la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, in un intervento oggi pubblicato in prima pagina sul quotidiano della Cei, Avvenire.

continua a leggere

PA, “NON ANCORA SODDISFATTI MA C’È UN’INVERSIONE DI MARCIA”

Così Bernava sul quotidiano Cisl Conquiste del Lavoro alla vigilia del prima via libera del Consiglio dei ministri alla riforma. Il sindacato attende ora gli atti di indirizzo del Governo per il rinnovo dei contratti ed elenca in un decalogo le principali novità del Testo unico

La Cisl guarda con attenzione alla riforma della pubblica amministrazione che domani dovrebbe vedere un prima via libera dal Consiglio dei ministri e attende al varco il Governo sull’avvio della contrattazione, soprattutto lo stanziamento delle risorse, per garantire i rinnovi contrattuali.

continua a leggere

DISABILI, GARANTIRE RISORSE E IL VIA AI PIANI DI ASSISTENZA

Così la Cisl, nel giorno della protesta davanti a Palazzo d’Orleans e con riferimento alla sessione di bilancio in corso all’Ars. Perplessità sull’incontro tra le famiglie dei portatori di handicap e il governatore “non affiancato da dirigenti generali e che si è arrampicato sugli specchi”

La vicenda dei disabili siciliani, balzata agli onori delle cronache negli ultimi giorni, è “una delle pagine più tristi e penose del governo della Regione e della gestione amministrativa regionale, degli ultimi anni”. Così la Cisl in una nota che definisce “l’abbandono a se stessi dei diversamente abili un fatto grave, da affrontare e risolvere con assoluta urgenza.

continua a leggere