EX PARTECIPATE, OPERAZIONE VERITÀ PER I LAVORATORI

A invocarla, la Fisascat secondo cui sono 150 i dipendenti di queste società che stanno pagando il conto della non applicazione delle leggi. “Sono gli unici lavoratori a tempo indeterminato della Regione a essere stati licenziati e non ricollocati. Diciamo basta ai rimpalli di responsabilità”/ Video

La legge c’è ma l’amministrazione regionale non la applica. Così, quelli delle società partecipate liquidate – Ciem, Lavoro Sicilia, Cerisdi, Spi, Quarit, Terme di Sciacca, Sicilia e Ricerca, Sviluppo Italia – sono “gli unici lavoratori a tempo indeterminato della Regione a essere stati licenziati e non ricollocati come previsto dalla legge di Stabilità 2014.

continua a leggere

ALMAVIVA, NEL POMERIGGIO FACCIA A FACCIA AZIENDA-SINDACATI

Stamattina lavoratori in assemblea. Per la Fistel Cisl la newco proposta dal gruppo “offende la dignità e i sacrifici profusi in questi anni”

Si sono riuniti in assemblea sindacale, stamattina, i lavoratori di Almaviva Contact della sede di Palermo, l’azienda che il gruppo di proprietà della famiglia romana Tripi intende separare dalla casa madre attraverso una newco che per la Cisl non è che “una bad company camuffata”.

continua a leggere

REGIONE, PREOCCUPA LA RIORGANIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI

La denuncia è della Cisl Fp secondo cui il tema è delicato e non può essere “ridotto a mera questione economica”. Il sindacato punta il dito contro la previsione dell’accorpamento di Centro regionale per il catalogo e Centro regionale per il Restauro. E chiede “un confronto che porti alla soluzione migliore per i lavoratori”

“È inammissibile che la riorganizzazione dei Beni culturali sia inserita in Finanziaria. La questione è delicata, ha a che fare con un settore di rilevanza strategica per una regione come la Sicilia, e la discussione sul tema non può essere strozzata e ridotta a una mera questione economica”.

continua a leggere

REGIONALI, CISL FP: SI PROCEDA AL RINNOVO DEL CONTRATTO

“Non molleremo la presa, verificheremo passo dopo passo che il Governo dagli annunci passi ai fatti e che le risorse siano congrue”. E quanto all’Ars, “il Parlamento non ponga sterili e futili opposizioni”

“Avanti così, pare che il Governo stia operando coerentemente agli annunci pre-elettorali del presidente Musumeci e che gli assessori Bernardette Grasso e Gaetano Armao stiano lavorando in tandem, seguendo le richieste di parte sindacale. Ovvio che non molleremo la presa, verificheremo passo dopo passo che dagli annunci si passi ai fatti e che le risorse siano congrue.

continua a leggere

ANOLF SICILIA INCONTRA LA CONSOLE GENERALE DEL MAROCCO

Durante il colloquio, all’insegna della cordialità e dell’amicizia, si è discusso della “necessità di promuovere azioni volte alla maggiore partecipazione alla vita sociale nell’Isola, della comunità marocchina”

Si è svolto oggi nella sede del consolato marocchino a Palermo l’incontro tra la presidente dell’Anolf Sicilia, Valentina Campanella e la console generale del Regno del Marocco, Fatima Baroudi. Durante il colloquio, all’insegna della cordialità e dell’amicizia, si è discusso della “necessità di promuovere azioni volte alla maggiore partecipazione alla vita sociale nell’Isola, della comunità marocchina”, si legge in una nota.

continua a leggere

METALMECCANICI, NICASTRO ELETTO SEGRETARIO DELLA FIM SICILIA

Catanese e dipendente della StMicroelectronics, è stato designato dal consiglio generale della federazione regionale, presenti i vertici regionali e nazionali del sindacato

Piero Nicastro, metalmeccanico di Catania, è il nuovo segretario della Fim Cisl Sicilia, la federazione regionale Cisl delle tute blu. È stato eletto oggi a Palermo dal consiglio generale della federazione, con 40 voti su 43 votanti. Nicastro, 45 anni, dipendente della StMicroelectronics, dal 2012 è segretario generale della Fim Cisl catanese.

continua a leggere

ENTI LOCALI, FIRMATO IL CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO

Si chiude così la lunga fase di attesa iniziata con il blocco della contrattazione, che durava dal 2010. Aumento medio di 85 euro. Una sezione sulla polizia locale con l’istituzione di un’indennità di funzione; la revisione del sistema di classificazione del personale. Poi, “un’ulteriore posizione economica” per categoria. Lavoro agile e valorizzazione della contrattazione territoriale

“Un ottimo risultato per il sindacato e una bella notizia per il paese, la firma del contratto per i dipendenti di Regioni, Province, Comuni, Camere di Commercio, enti e agenzie regionali. Si apre una pagina nuova per garantire servizi fondamentali a cittadini e imprese”.

continua a leggere

E—DISTRIBUZIONE, OGGI LA PRIMA DELLE DUE GIORNATE DI SCIOPERO

Per i sindacati, che chiedono un piano di assunzioni, “il modello organizzativo dell’azienda impone al personale operativo eccessive e prolungate prestazioni e insostenibili turni di reperibilità in violazione delle norme”. Il prossimo 12 marzo il secondo stop, sempre di quattro ore

Lamentano turni di reperibilità insostenibili e carichi di lavoro eccessivi. Così hanno scioperato i lavoratori di E-Distribuzione Sicilia dell’Enel e si sono riuniti in sit-in davanti alla sede dell’azienda in via Marchese di Villabianca a Palermo, nel corso delle prime quattro ore di sciopero regionale indetto dai sindacati di categoria Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil.

continua a leggere

VIGILI FUOCO, RINNOVATO DOPO 9 ANNI IL CONTRATTO DI LAVORO

Aumenti retributivi complessivi da 160 a 400 euro al mese. E trovato l’accordo anche sull’assegno di specificità. In autunno la presentazione della piattaforma sindacale per il triennio 2019-2021

“Dopo nove anni di blocco abbiamo finalmente siglato il rinnovo contrattuale del comparto dei vigili del fuoco. L’accelerazione sulla parte economica è stata operata affinché nel più breve tempo possibile possano arrivare nelle buste paga dei colleghi gli aumenti contrattuali. La trattativa è stata complessa ma si è conclusa in termini positivi”.

continua a leggere

ACQUA, EMERGENZA PALERMO: “GESTIONE DISATTENTA NEGLI ANNI”

Cisl e Femca elencano i punti di prelievo lungo i fiumi da cui non si attinge nonostante impianti di sollevamento costati tantissimo ma non utilizzati. “L’approvvigionamento tramite le dighe dovrebbe essere effettuato solo in casi eccezionali”. Va riorganizzata l’Amap e servono più chiarezza normativa e sulla ricerca delle perdite nelle condotte, che avrebbe evitato gli sprechi

“Una corretta gestione delle risorse idriche impone che l’approvvigionamento tramite le dighe sia effettuato solo in casi eccezionali e non come prima fonte. Con questa logica sono stati realizzati i numerosi impianti di sollevamento lungo i fiumi, infrastrutture che sono costate moltissimo e che non sono utilizzate in alcun modo.

continua a leggere