SCUOLA, SABATO ASSEMBLEE PER UN’ISTRUZIONE “APERTA A TUTTI”

Alla base dei dibattiti, che si terranno in giro per l’Italia e in grandi e piccoli centri siciliani, il Manifesto in undici punti firmato Cgil Cisl Uil e Snals. Sull’hashtag #scuolabenecomune, i sindacati rivendicano scelte che chiudano il gap tra Italia e Paesi Ocse, su investimenti e retribuzioni

Un manifesto in undici punti, firmato dalle federazioni della scuola di Cgil Cisl Uil e dallo Snals. Un progetto di idee e principi che il sindacato sabato 18 porrà al centro di dibattiti e assemblee in cento province d’Italia. E in Sicilia, “in grandi e piccoli centri dell’est e dell’ovest dell’isola”, informa Francesca Bellia, segretaria della Cisl Scuola Sicilia.

continua a leggere

PENSIONI, AMPLIARE CON LA TRATTATIVA LE SOLUZIONI INDIVIDUATE

Portare fino in fondo il negoziato sul pacchetto previdenza, in corso tra Governo e Cgil Cisl e Uil. È l’impegno assunto dalla Cisl, che del tema ha discusso a Roma durante il comitato esecutivo che ha approvato all’unanimità un documento. Sollecitato anche il “prosieguo unitario dell’azione sindacale”

Il comitato esecutivo Cisl “ritiene importanti le scelte sociali inserite nella legge di bilancio 2018 anche grazie alla nostra iniziativa e al confronto con il Governo, su lavoro, ammortizzatori sociali, occupazione giovanile, lotta alla povertà, innovazione industriale, rinnovo dei contratti pubblici, Mezzogiorno”.

continua a leggere

INFRASTRUTTURE, NASCE IL FONDO CHE FINANZIA I PROGETTI

Previsto dall’ultima legge di stabilità della Regione, è stato adottato con decreto dell’assessore uscente, Bosco. Per la Cisl lo strumento, consentendo agli enti di anticipare le spese, può contribuire a mettere in moto processi virtuosi. Si avvale di 3,5 milioni che arriveranno a dieci e anche più

È stato istituito dalla Regione, con decreto dell’assessore uscente alle Infrastrutture Luigi Bosco (il numero 70/2017), il fondo di rotazione per il finanziamento dei progetti di infrastrutture varati da enti locali o consorzi di enti locali. A darne notizia la Cisl Sicilia che, per voce del segretario Mimmo Milazzo, esprime “soddisfazione” perché “vede finalmente la luce uno strumento che, consentendo agli enti di anticipare le spese per progetti, contribuisce a mettere in moto processi virtuosi nel circuito dell’economia”.

continua a leggere

“PRESIDENTE SERVE UNA SVOLTA, FACCIAMO UN PATTO”

Così la Cisl in un messaggio di congratulazioni al neo-governatore Musumeci. Il sindacato ricorda che negli anni che abbiamo alle spalle il dialogo Regione-forze sociali ha rasentato lo zero assoluto. Invece “aiuterebbe a fissare le grandi linee di un comune disegno di sviluppo sostenibile e creazione di lavoro”

“Presidente @Musumeci_Staff buon lavoro! Sicilia deve venir fuori da ritardi-emergenze. E serve #pattosociale con sindacati-imprese. #Cisl c’è”. È il tweet di congratulazioni che stamani la Cisl Sicilia ha indirizzato al nuovo governatore della Regione, Nello Musumeci. Ritardi ed emergenze, scrive la Cisl ricordando anche l’incontro di un paio di settimane fa tra l’allora candidato Musumeci e i vertici di Cgil Cisl e Uil regionali.

continua a leggere

SICILIANI VOTATE, “SERVE UN PATTO SOCIALE. ECCO PERCHÉ”

Duplice appello Cisl, alla vigilia del 5 novembre. A partecipare e non rifugiarsi nell’astensione. E al governo che verrà, a stipulare un patto con sindacati e imprese. E a pigiare il pedale sulla spesa dei fondi disponibili e su “un grande piano di opere infrastrutturali e riqualificazione del territorio”

L’appello al voto: “gli elettori vadano alle urne, la partecipazione è la cosa più importante”. Poi le proposte. E le rivendicazioni. Alla vigilia delle elezioni regionali del 5 novembre, la Cisl Sicilia per voce del suo segretario, Mimmo Milazzo, si rivolge ai siciliani.

continua a leggere

PENSIONI, SINDACATI: BLOCCARE L’AUMENTO AUTOMATICO DELL’ETÀ

Lo scrivono Cgil Cisl e Uil per le quali il meccanismo dell’aspettativa di vita determina “conseguenze preoccupanti in un mercato del lavoro caratterizzato dall’elevata disoccupazione, sia giovanile che over 50”. La revisione non minerebbe la tenuta finanziaria del sistema. Semmai ne garantirebbe la sostenibilità. Anche sociale

“Non tutti i lavori sono uguali, il Governo mantenga fede agli impegni assunti nell’intesa del 28 settembre 2016. L’adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita comporta conseguenze preoccupanti in un mercato del lavoro caratterizzato da un’elevata disoccupazione sia giovanile che over 50, e in cui sono ancora evidenti le ferite causate dall’aumento repentino dei requisiti pensionistici dovuto alla legge Monti-Fornero, che ha creato il drammatico fenomeno degli esodati”.

continua a leggere

BOLLETTE, “UNA VERGOGNA LE TARIFFE A 28 GIORNI”

A dirlo la Cisl per la quale va trovata una soluzione parlamentare o all’interno della prossima legge di stabilità, che ristabilisca il pagamento ogni 30 giorni. Per il sindacato è inaccettabile una surrettizia mensilità in più, per ogni anno

“Noi siamo accanto al Garante dell’Agcom, sulla questione riguardante i 28 giorni per il pagamento delle bollette”. A dirlo la Cisl, in una nota del segretario confederale Andrea Cuccello. “In questi anni di crisi i lavoratori e i pensionati che rappresentiamo si sono trovati all’interno di momenti di gravissima difficoltà economica.

continua a leggere

L.BILANCIO, “ASPETTI POSITIVI SUL LAVORO NON SULLA PREVIDENZA”

Così Furlan a proposito della Finanziaria varata dal Governo. Per la leader Cisl, sono importanti la decontribuzione per le assunzioni dei giovani, lo sblocco delle risorse per i contratti pubblici e anche il credito d’imposta e le misure contro la povertà. “Ma c’è una nota dolente: la seconda parte dell’accordo sulle pensioni”

“La legge finanziaria può dare un contributo determinante a consolidare la crescita ma può anche deprimerla. Dipende dalle scelte che il Governo sta facendo in queste giornate cruciali”. A dirlo la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. “Credo che sia innegabile riconoscere che la decontribuzione per le assunzioni dei giovani sia un fatto positivo.

continua a leggere

DIECI TIR PER INVERTIRE IL TREND DELLO SVILUPPO RITARDATO

Sono le proposte della Fondazione Curella, in vista delle elezioni regionali di novembre. Sul presupposto che non sia possibile dar corso ovunque a politiche immediate di sviluppo. Meglio far leva su Territori a incremento rapido. Tra gli interventi suggeriti, la detassazione delle pensioni per i non siciliani che trasferiscano nell’Isola la residenza. E un polo sanitario nella regione, per il Nord Africa

Cinque precondizioni dello sviluppo. E poi i Tir, l’idea di Territori a incremento rapido nei quali attuare, “immediatamente”, politiche di attrazione di investimenti dall’esterno della regione. Come Cgil Cisl e Uil che nei giorni scorsi hanno spedito ai candidati in corsa per Palazzo d’Orleans, un documento programmatico di proposte per arrestare il “preoccupante declino del sistema Sicilia”, la Fondazione Curella, il Centro di ricerche economiche guidato da Pietro Busetta, statistico economico nell’università di Palermo, ha reso noto stamani il suo “programma per le elezioni regionali”.

continua a leggere

PROF DI RELIGIONE. EPPURE FIGLI DI UN DIO MINORE

Sono 1500 in Sicilia più altrettanti precari. Una figura “per tanti versi ignorata nonostante la centralità che riveste in una società multiculturale”. Saranno al centro di un meeting Cisl con la partecipazione del sottosegretario Toccafondi e di monsignor Pennisi. Bellia: “Serve occupazione stabile e riconoscimento della professionalità”

Insegnanti di religione. Eppure figli di un Dio minore. Sono i 1500 prof siciliani, altrettanto dei quali precari, che saranno al centro del meeting che la Cisl Scuola dedicherà al tema domani, 18 ottobre, a partire dalle 9. L’appuntamento, che vedrà tra gli altri la partecipazione del sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi e dell’arcivescovo di Monreale Michele Pennisi, si svolgerà a Palermo, nell’ex Noviziato dei Crociferi alla Kalsa, in via Torremuzza 22.

continua a leggere