VIA D’AMELIO: PAROLE COME PIETRE, DI FIAMMETTA BORSELLINO

La figlia del giudice morto nell’esplosione di ventisette anni fa, torna a chiedere che si faccia luce sulla strage: «una richiesta che non riguarda solo la nostra famiglia ma tutto il popolo italiano». Raccogliamo il suo appello ricordando le parole del padre: «Parlate di mafia. Alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene». Il «forte impegno civile da parte di tutti», per sconfiggere i boss

Era una domenica, il 19 luglio di ventisette anni fa. 57 giorni dopo quel 23 maggio in cui l’esplosione alle porte di Capaci aveva segnato una svolta nella storia della mafia siciliana, della Sicilia. Del Paese. Ne seguì un’altra di esplosione, alle 16,58 di quella domenica che sembrava come mille altre.

continua a leggere

RIPARTIRE DALLE PERIFERIE “URBANE, SOCIALI, DEL LAVORO”

Gli obiettivi strategici della Cisl, sanciti dalla Conferenza organizzativa nazionale conclusasi a Roma. La kermesse è stata l’occasione per una verifica delle decisioni di ristrutturazione organizzativa assunte negli ultimi anni. A fine 2018 sono 4.050.680 gli iscritti al sindacato, 1.763 le sedi. L’appello per l’istituzione della Giornata del migrante ignoto

Ripartire dalle periferie urbane, sociali e del lavoro, potenziamento delle prime linee sindacali e maggior coinvolgimento dei delegati e dei giovani, contrattazione sociale, formazione dei quadri, certificazione e trasparenza nell’utilizzo delle risorse, rivisitazione delle modalita’ della comunicazione: sono alcuni dei nuovi obiettivi strategici sanciti oggi dalla Conferenza nazionale organizzativa della Cisl, che si è chiusa a Roma con le conclusioni della leader nazionale Annamaria Furlan e la lettura dei documenti finali approvati dalle tre commissioni.

continua a leggere

GIOVANI, LAVORO, FISCO, SOCIETÀ. E IL «SINDACATO DI PROSSIMITÀ»

Il video integrale della relazione con cui la leader Cisl Furlan ha dato il via, oggi a Roma, alla Conferenza nazionale d’organizzazione del sindacato. La realtà mostra un quadro di peggioramento delle disuguaglianze. Ma va ripreso «il cammino della vita per cui nessuno sia escluso e abbandonato, come fosse un’esternalità»

La riforma del fisco per rendere più pesanti le buste paga di lavoratori dipendenti e pensionati. I temi del disagio e delle periferie urbane ed esistenziali. La questione dei giovani e del lavoro. Il futuro delle famiglie, i nodi del welfare e dell’universalità dei diritti.

continua a leggere

ANZIANI, «PATTO DI RETE» CONTRO LISTE D’ATTESA PERSINO DI SEI MESI

A proporlo a Regione, Anci e università, Cisl e Fnp-Coordinamento donne, per le quali servono politiche a sostegno dell’invecchiamento attivo che facciano delle città siciliane «social city in cui anche gli ultrasessantacinquenni possano svolgere un ruolo nel circolo produttivo». Ma vanno organizzate strategie per invecchiare bene. Tanto più che una persona su quattro ha più di 65 anni. E l’età media si alza anche a causa della forte migrazione giovanile

In Sicilia si è costretti ad attendere «da un minimo di due fino a sei mesi e più» per eseguire, nelle strutture del servizio sanitario nazionale, prestazioni specialistiche, dalla colonscopia all’ecocolordoppler cardiaco, per le quali non si dovrebbe aspettare che qualche giorno.

continua a leggere

EX PROVINCE, TRE PROPOSTE CISL PER METTERE ALLE SPALLE IL FLOP

Riguardano l’Osservatorio su Liberi consorzi e Città metropolitane, un piano straordinario di assunzioni che prenda le mosse dalla stabilizzazione dei 13.500 precari. E il superamento delle logiche ragionieristiche che hanno prodotto un disavanzo di parte corrente di oltre 192 mln. Per i vertici del sindacato, Cappuccio e Montera, «si pone il tema di una stagione politica centrata sul dialogo costruttivo». Per Musumeci «l’epoca dei commissari è chiusa». Armao: non facciamo della Regione un similstato

La riforma delle province è il più grande flop della politica made in Sicily degli ultimi decenni. L’incompiuta per antonomasia, il cui superamento richiede «che sia messo in funzione l’Osservatorio regionale sui Liberi consorzi e le Città metropolitane»; la revisione degli organici, che dal 2010 a oggi hanno subito l’emorraggia di 7.200 unità.

continua a leggere

EX PROVINCE, CONFRONTO A PIÙ VOCI SUL PRESENTE E SUL FUTURO

Si svolgerà martedì 2 luglio dalle 10 nella sala Martorana di Palazzo Comitini, a Palermo. Interventi dei vertici Cisl Montera e Cappuccio, di rappresentanti Anci e del presidente della Regione Musumeci

“Le province siciliane tra riforme e prospettive”. È il tema del meeting organizzato dalla Fp Cisl Sicilia (la funzione pubblica) con la collaborazione della Cisl regionale, che si svolgerà domani martedì 2 luglio a partire dalle 10 nella sala Martorana di Palazzo Comitini (via Maqueda 100), a Palermo.

continua a leggere

NUOVO STOP PER ALMAVIVA, VERSO I LICENZIAMENTI DA SETTEMBRE

Si è concluso con un nulla di fatto stamattina, nella sede di Sicindustria a Palermo, l’incontro azienda-sindacati sul tema degli ammortizzatori sociali. A renderlo noto le associazioni sindacali per le quali l’assenza di prospettive e l’insostenibilità delle condizioni poste, «impediscono di raggiungere qualunque intesa»

Si fa sempre più concreto il rischio licenziamento per i 2760 lavoratori Almaviva di Palermo. E con un’ombra nera che si allunga su tutta la filiera regionale dei call center, che in Sicilia assorbe 20 mila addetti. Si è concluso con un nulla di fatto stamattina, nella sede di Sicindustria a Palermo, l’incontro azienda-sindacati sul tema degli ammortizzatori sociali.

continua a leggere

CLIMA, PIÙ SVILUPPO SOSTENIBILE TAGLIANDO LE EMISSIONI DI CO2

Cgil Cisl Uil: avviare colloqui con i datori di lavoro pubblici e privati sulla questione della lotta ai cambiamenti climatici. Obiettivo: mettere in campo un programma di investimenti per la «riconversione ecologica dell’economia, con la crescita di nuovi e migliori posti di lavoro»

Cgil Cisl Uil, aderendo alla Giornata mondiale per il clima proclamata dalla Ituc–Csi, la confederazione internazionale dei sindacati, invitano «attivisti, delegati e quadri sindacali a incontrarsi con i rispettivi datori di lavoro, pubblici e privati, sulla questione della lotta ai cambiamenti climatici».

continua a leggere

NOVE SPORTELLI LAVORO PER LE PERIFERIE SOCIALI ED ESISTENZIALI

Li organizzerà la Cisl nei capoluoghi di provincia dell’Isola, offrendo servizi di accoglienza, assistenza, per la parità di genere. E forme di welfare familiare, integrazione e inserimento sociale. Obiettivo: dare sostegno a famiglie, giovani, immigrati. E «a chi svolge lavori poveri, spesso nei settori della logistica, della distribuzione, della cura della persona». A dare il via libera, i 200 componenti della Conferenza regionale d’organizzazione

«Nelle periferie, con i giovani. Per il lavoro». Partirà dai nove capoluoghi siciliani di provincia il progetto che la Cisl lancia in occasione della sua conferenza regionale d’organizzazione. Un programma che sarà al centro della omologa conferenza nazionale che si terrà a Roma tra il 9 e l’11 luglio.

continua a leggere

IMMOBILI, IL 40% IN SICILIA VERSA IN UNO STATO DI PROFONDO DEGRADO

Il dato è emerso durante un meeting sulle politiche per la casa organizzato dai sindacati. A renderlo noto l’assessore regionale Falcone, replicando a Cgil Cisl e Uil che hanno segnalato anche l’esplosione degli sfratti eseguiti per morosità incolpevole: l’80% del totale. Per i confederali e per Sunia, Sicet e Uniat, è urgente una legge organica di riordino dell’edilizia residenziale pubblica. Alvano (Anci): più di cento Comuni nell’Isola interessati dal fenomeno dello spopolamento

Sono quasi quattromila gli sfratti eseguiti in Sicilia nell’ultimo anno. E più o meno l’80% sono sfratti per “morosità incolpevole”, determinata cioè dallo stato di bisogno, in una regione in cui la povertà investe un terzo circa della popolazione. Una «vera piaga sociale» secondo i sindacati che hanno dedicato, oggi a Palermo, una giornarta di lavori al tema del Patrimonio abitativo pubblico.

continua a leggere