REGIONE, LEGGE DI STABILITÀ: CISL, “ORA USCIRE DA UNA SITUAZIONE SENZA CAPO NÉ CODA”

REGIONE, LEGGE DI STABILITÀ: CISL, “ORA USCIRE DA UNA SITUAZIONE SENZA CAPO NÉ CODA”

A dirlo Cappuccio (Cisl) e Montera (Fp Cisl), alla notizia della decisione assunta a Roma sulla Finanziaria regionale

“L’impugnativa ad opera del governo nazionale, della legge regionale di Stabilità, crea indubbiamente un problema grosso come una casa. Che va risolto qui e ora. E il governo regionale per un verso, quello nazionale per un altro, devono tenerne conto”. A dirlo Sebastiano Cappuccio, segretario della Cisl Sicilia e Paolo Montera, segretario della Funzione pubblica regionale Cisl, commentando la decisione assunta oggi a Roma sulla Finanziaria regionale. A preoccupare Cisl ed Fp, le ripercussioni dell’impugnativa, soprattutto su precari e dipendenti pubblici e sul personale della sanità. E le ricadute sulla trattativa con l’Aran per il rinnovo del contratto dei dipendenti regionali. “Un problema – commentano Cappuccio e Montera – cui i decisori politici devono trovare una soluzione. Senza nascondersi dietro la complessità del momento politico e istituzionale. Perché una cosa è certa: non si può lasciare tanta gente, tanti lavoratori, nel limbo di una situazione senza capo né coda”. (ug)

Print Friendly, PDF & Email