BANKITALIA, “MUSUMECI ACCELERI: SERVE UN COLPO D’ALI”

BANKITALIA, “MUSUMECI ACCELERI: SERVE UN COLPO D’ALI”

Così la Cisl all’indirizzo del governo regionale dopo l’uscita dei dati sull’economia siciliana dell’istituto di via Cavour. Cappuccio: se mai riusciremo a sederci allo stesso tavolo, al governatore desidereremmo dire che non serve disperdere risorse. In cima all’agenda degli interventi vanno velocemente messe le politiche per lavoro, infrastrutture, scuola, sanità e inclusione sociale

“Caro presidente, ci permettiamo di insistere. Bankitalia conferma le nostre preoccupazioni. È ora di innescare il turbo e mettere a fuoco assieme indirizzi e priorità per ripartire al volo quando Bruxelles e Roma sbloccheranno i soldi del Recovery plan”. Così Sebastiano Cappuccio, segretario della Sicilia, all’indirizzo di Palazzo d’Orleans, dopo l’uscita stamani della nota congiunturale sull’economia regionale elaborata dalla Banca d’Italia. Lo studio dell’istituto di via Cavour segnala tra l’altro che la Sicilia, nel primo semestre di quest’anno, ha perso 34 mila posti di lavoro rispetto a un anno fa: -2,5 per cento, -1,7 la media Italia; che il tasso di occupazione per la popolazione tra 15 e 64 anni è sceso di 0,7 punti attestandosi al 39,8 per cento. E che quest’anno, nel secondo trimestre, il tasso di attività per la popolazione tra 15 e 64 anni ha toccato il minimo storico: 47,1 per cento. Insomma, “rischiamo una débâcle”, rimarca Cappuccio ricordando che proprio la Regione nella nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza regionale per il 2021-2023, parlando di “sfida epocale” che la Sicilia ha di fronte, fa appello a uno “sforzo corale” a istituzioni, professioni e forze sociali. “Quelle parole – rileva la Cisl – finora non hanno avuto seguito nonostante le ripetute richieste del sindacato di poter dare il proprio contributo affinché la Sicilia riesca a uscire dal tunnel in cui anche il Covid l’ha cacciata”. “Al presidente Musumeci – si legge nella nota del sindacato – se mai riusciremo a sederci allo stesso tavolo, desidereremmo dire che, per quanto ci riguarda, in cima all’agenda degli interventi vanno messe le politiche per il lavoro, le infrastrutture, la scuola, la sanità e l’inclusione sociale”. Non servono mille progetti, non serve disperdere in mille rivoli le risorse su cui si potrà far leva. Né servono sterili contrapposizioni o facili scaricabarile”. L’epidemia da Covid, sottolinea Cappuccio, ha generato uno shock senza precedenti aggravando le già difficili condizioni dell’economia. “Ora – rimarca – è tempo di un colpo d’ali: è il momento di un confronto puntuale e sistematico. E c’è bisogno che ciascuno, a cominciare dalle istituzioni, si assuma velocemente le proprie responsabilità”. (ug)

Print Friendly, PDF & Email